E’ Luca Abbruzzino il giovane chef dell’anno per la Guida de L’Espresso

Come Luca Abbruzzino, rampollo di un altro cuoco stellato, Antonio, premiato appena pochi giorni fà giovane chef dell’anno dalla blasonata

Chi lo avrebbe detto appena pochi anni fa che  Gualtiero Marchesi,  Massimo Bottura, Antonino Cannavacciolo, maestri riconosciuti della Nuova Cucina italiana, sarebbero stati ben presto seguiti da un’onda lunga di giovani e giovanissimi  che contribuiscono ogni giorno a svecchiare, dare lustro e far conoscere nel mondo le nostre tradizioni culinarie. E che in questa scia si collochino ai primi posti anche alcuni giovani chef calabresi. Come Luca Abbruzzino, rampollo di un altro cuoco stellato, Antonio, premiato appena pochi giorni fà giovane chef dell’anno dalla blasonata Guida I Ristoranti d’Italia de L’Espresso.


 

Insieme a lui è stata premiata da Enzo Vizzari, direttore della Guida, anche la scuderia di Cooking Soon, progetto nato un po’ per gioco un po’ per scommessa nel maggio scorso da Giovanni Gagliardi e Manuela Laiacona (ne abbiamo parlato qui), che hanno riunito un manipolo di giovanissimi -ma rodati- chef under 30, tutti calabresi, che condensano le ultime tendenze della ristorazione insieme al lavoro in rete sul territorio con  cantine e presidi agroalimentari.

Tradizione che si affaccia sul panorama internazionale, produzioni agroalimentari ed eccellenze gastronomiche alleate  dell’innovazione e del marketing territoriale. Sono gli ingredienti (è il caso di dirlo) che caratterizzano l’estetica food&wine di  Caterina Ceraudo, altra stellata del gruppo Cooking Soon (Dattilo,  Strongoli), Emanuele Lecce ( La Tavernetta di Camigliatello Silano), Emanuele Strigaro (il Novezerodue di Crotone), Bruno Tassone  (San Domenico di Pizzo), Antonio Biafora (Hotel Biafora, San Giovanni in Fiore), Gennaro di Pace (Osteria Porta del Vaglio,

Pubblicato il: 18 May 2020

Enogastronomia

Lascia il tuo primo commento!

Inserisci il tuo commento